Dall’Alpe Devero all’Alpe Sangiatto: prima ciaspolata del 2020.

Di solito il primo dell’anno poltriamo sul divano con liste di buoni propositi che puntualmente vengono accantonate prima di Carnevale…ops! Quest’anno abbiamo deciso di cambiare metodo e di iniziare facendo quello che ci auguriamo di fare tutto l’anno: andare a zonzo per il nostro bel paese! Ci siamo svegliati il primo Gennaio e abbiamo deciso di partire per la prima ciaspolata del 2020!

La destinazione della prima ciaspolata del 2020 è stata l’Alpe Devero ma, se ci seguite da un po’, sapete che non siamo amanti dei luoghi troppo affollati quindi una volta raggiunta la piana abbiamo deviato verso l’Alpe Sangiatto!

prato innevato con bosco di conifere
Salita all’Alpe Sangiatto

Trovate le informazioni per raggiungere l’alpe Devero qui.

Come arrivarci

Per raggiungere l’alpe Sangiatto dalla piana di Devero seguite i cartelli CAI che trovate appena dopo il ponte. Sappiamo (perché l’abbiamo fatto a settembre) che esiste un giro ad anello che sale all’Alpe Sangiatto dalla piana di Devero e scende a Crampiolo fiancheggiando una parte di lago, purtroppo non abbiamo trovato la traccia e non ce la siamo sentita di farla noi, se siete in forza però sappiate che si può fare e che il panorama merita!

Abbiamo poche foto di questa prima ciaspolata dell’anno perché salendo abbiamo preferito godere del paesaggio e dei suoni della montagna e, una volta arrivati in cima, la fame ha preso il sopravvento…consigliamo comunque questo giro a tutti quelli che in inverno vogliono stare alla larga dal turismo delle piste da sci, a quelli che vogliono passare una giornata nella neve senza essere travolti da uno slittino e a tutti quelli a cui piace sudare un po’ anche in inverno, alcuni punti vedrete che vi faranno faticare abbastanza da smaltire tutte le mangiate delle feste!

ragazzi sulla neve
Simone e Margherita all’alpe Sangiatto

Tempi di percorrenza e suggerimenti

Per salire all’Alpe Sangiatto dalla piana del Devero, i cartelli CAI indicano 1.30h e in effetti in estate è il tempo giusto, in inverno però dipende moltissimo dalle condizioni del sentiero (quanta neve c’è, avete le ciaspole o no, qualcuno ha tracciato prima di voi). Noi abbiamo trovato una traccia ma in alcuni punti si perdeva un po’ e quindi ci abbiamo messo 2h a salire e 1h a scendere, nell’insieme non male 😉

All’Alpe Sangiatto in inverno non c’è nulla quindi ricordatevi cibo e acqua. Infine, tenete a mente che a Gennaio il sole tramonta presto, noi siamo scesi alle 16 e il sentiero era già in ombra, se non vi sentite esperti, non tardate nella discesa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *